In mezzo scorre il fiume

12 Novembre 2017
Articolo interessante 
È il fiume Cornia a rendere fertili i terreni dove nascono gli spinaci e le bietoline dell’azienda Fioreverde. Scelti foglia per foglia, lavati,imbustati e consegnati nei negozi ogni giorno.

Arrivano dal cuore della campagna toscana, e per la precisione dalla zona di Venturina, gli spinaci e le bietoline Val di Cornia Toscana dell’azienda agricola Fioreverde. Siamo nel comune di Campiglia Marittima, in provincia di Livorno, ed è già scritto nel nome il forte legame di queste produzioni con la valle di provenienza. E soprattutto con il corso d’acqua che l’attraversa: il Cornia, appunto.

Che dir si foglia
Il segreto, insomma, è nel fiume, come ci rivela il titolare della Fioreverde Franco Fiorenzani: «Questi sono i terreni migliori della zona. La vicinanza del Cornia rappresenta un valore aggiunto perché rende queste terre fertili, sempre lavorabili. Sono terreni in cui l’acqua non ristagna in superficie». Realtà a conduzione familiare, la Fioreverde dà lavoro a una ventina di persone: «Come azienda di produzione e trasformazione siamo nati nel 2001 – spiega Fiorenzani –. Prima eravamo unicamente agricoltori e producevamo per altri, in seguito abbiamo decisodi essere noi a produrre e a trasformare i nostri ortaggi». L’azienda conta su 42 ettari di proprietà, a cui se ne aggiungono circa 40 in affitto: principalmente la produzione consiste in spinacio e bietolina, indirizzati soprattutto alla Grande Distribuzione, ma si producono anche cavolo nero e cicoria. «La raccolta è sia meccanica che manuale – riprende Fiorenzani –. Nel tempo abbiamo cambiato i metodi di irrigazione passando alla microirrigazione, così da poter produrre anche nei periodi più caldi: prima lo spinacio era, infatti, una verdura prettamente invernale».

Una rigorosa selezione
In seguito gli ortaggi vengono portati presso la sede aziendale dove, seguendo in maniera rigorosa la catena del freddo, avviene la fase di trasformazione. La cernita è manuale e vengono scelte solo le foglie migliori, poi si effettuano 3 lavaggi. A questo punto il prodotto viene asciugato in centrifuga per poi passare dentro una macchina selezionatrice, così da togliere ogni impurità. Nell’ultima fase spinaci e bietole vengono pesati, per essere poi imbustati, incassettati e messi in cella frigorifera.
a consegna avviene tutti i giorni.

Gli spinaci e le bietoline Val di Cornia Toscana – disponibile anche la confezione con entrambi gli ortaggi mixati – sono racchiusi in buste pronte all’uso, con una scadenza di 5 giorni. A questo punto non resta che cucinarli.