Novità. Sacchetti di plastica addio

Articolo interessante 
Dal 1 gennaio tutti in plastica biodegradabile e compostabile, solo usa e getta. Obbligatoriamente a pagamento in tutti i supermercati

Entra in vigore, dal 1° gennaio 2018, l’obbligo di utilizzare sacchetti biodegradabili e compostabili  per ortofrutta,  carne, pesce e in generale per tutti gli alimenti freschi sfusi. Bandite le buste riutilizzabili.

L’obbligo deriva all’articolo 9-bis del cosiddetto ‘Decreto Mezzogiorno’ (Dl 20 giugno 2017, n. 91), convertito in legge nel mese di agosto.   

Un provvedimento positivo dal punto di vista della difesa dell’ambiente che consentirà di togliere dal mercato  9-10 miliardi di imballaggi all'anno (stime Assobioplastiche).

Tuttavia la novità introduce costi aggiuntivi per il consumatore perché il prezzo dei nuovi shopper,  non può essere assorbito per legge  dalle aziende in quanto ne è vietata la cessione a titolo gratuito. La legge non dice quanto devono costare i sacchetti biodegradabili e compostabili, ma per la nostra cooperativa la cifra è compresa tra 1 e 2 centesimi.

Inoltre non ci saranno eccezioni, deroghe o proroghe e chi non si adegua rischia di incappare in un sistema sanzionatorio che oscilla, per gli operatori commerciali, fra 2.500 e 100.000 euro di multa.

Coop, da sempre in prima linea nella sostenibilità ambientale, condivide lo "spirito buono" della legge ma si impegna per ridurre al minimo l'impatto nei confronti dei consumatori facendo pagare le buste  meno del prezzo di costo.

 

Nei nostri punti vendita: 

  • obbligatorio utilizzare un sacchetto per ogni genere alimentare, non potendo mischiare prodotti che vanno pesati e che hanno prezzi differenti;
  • per motivi igienici di sicurezza non sarà possibile usare per il confezionamento di frutta e verdura sfusa imballi di proprietà del cliente;
  • il costo dei sacchetti viene imputato direttamente nella spesa con voce distinta nello scontrino (o fattura).  
  • Nei reparti carni e pesce: il costo del nuovo sacchetto viene automaticamente aggiunto nello scontrino.
  • Nel reparto Ortofrutta: le buste vengono distribuite con le stesse modalità (piantane) e con la solita differenziazione laddove previsto tra sacchetto ortofrutta tradizionale  e  sacchetto ortofrutta Bio Sfusa. In cassa il costo del sacchetto è automaticamente contabilizzato nello scontrino, tuttavia, se il cliente si presenta con etichetta applicata direttamente sul prodotto e senza uso di busta  (es. melone, ananas. banane) il personale di cassa deve "stornare" il prezzo del sacchetto.
  • In cassa l’attuale sacchetto Cortesia  viene sostituito da un sacchetto compostabile   addebitato sullo scontrino.
  • In cassa Self Salvatempo alla chiusura  del  conto viene chiesta conferma del numero dei sacchetti utilizzati che il socio potrà accettare o modificare per  lo storno.

 

 

  • ambiente
  • sacchetti di plastica
  • sacchetti